immagine_testata2
Torna alla Home page
image_linea_verde

Rapporti ecumenici ed interreligiosi

Trasformare, riconciliare e rinnovare: Proseguono i lavori del comitato esecutivo della Comunione mondiale delle chiese riformate

 

Torre Pellice, 16 Maggio 2018

 

Ginevra. Il Consiglio ecumenico delle chiese presenta la visita di papa Francesco prevista per il 21 giugno 2018 in occasione dei 70 anni del CEC

Agenzia NEV 10 maggio 2018

 

Legge sulla libertà religiosa? Si riparte da zero

Agenzia NEV 23 aprile 2018

 

“Il cristianesimo è la religione dell’uscita dalla religione”

Sabina Baral intervista Enzo Bianchi, fondatore della Comunità monastica di Bose

 

Ospitalità eucaristica in Germania, nuova tappa

Il Vaticano pronto a organizzare un incontro sulla questione della condivisione della Cena del Signore nelle coppie interconfessionali cattolico-protestanti

Riforma 20 Aprile 2018

 

Il segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) Olav Fykse Tveit ha presentato oggi, durante una conferenza stampa in Vaticano, le iniziative per la celebrazione dei 70 anni del CEC

Agenzia NEV - 2 marzo 2018

Accolto l'invito del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) a papa Francesco. Il vescovo di Roma visiterà il quartiere generale dell'organismo mondiale a Ginevra (Svizzera) in giugno.

I 70 anni del Consiglio Ecumenico delle Chiese

Il papa a Ginevra al Consiglio ecumenico delle chiese a giugno

 

 

Germania. La Conferenza episcopale apre all’ospitalità eucaristica

Agenzia NEV - 23 febbraio 2018

 

Gran Bretagna, Passi decisivi verso la piena comunione tra anglicani e metodisti


Agenzia NEV - 13 febbraio 2018

 

A che punto siamo nel dialogo con la chiesa di Roma?

Riforma - 08 febbraio 2018

 

Un nuovo documento sull'ecumenismo per valdesi, metodisti e battisti

Il documento, redatto dalla Commissione consultiva per le relazioni ecumeniche delle chiese valdesi, metodiste e battiste in Italia, fa seguito a quello approvato dal Sinodo del 1998 "L'ecumenismo e il dialogo interreligioso". Trattandosi di un documento congiunto valdese, metodista e battista gli esecutivi delle rispettive chiese decideranno, sulla scorta dei pareri raccolti, le modalità di approvazione del testo da parte delle loro assemblee decisionali.
Torre Pellice, 26 gennaio 2018

 

Basilea. 20 mila giovani all’incontro di Taizé

La città elvetica al confine con Francia e Germania ha ospitato il tradizionale incontro di capodanno dei giovani di Taizé: per 4 giorni evangelici, cattolici e ortodossi provenienti da 45 paesi hanno pregato e dialogato all’insegna del "Pellegrinaggio di fiducia sulla terra"

Agenzia NEV - 4 gennaio 2018

 

Verso una consulta ecumenica nazionale

Di Agenzia NEV - 14 dicembre 2017

La prima volta di una donna alla guida delle chiese cristiane argentine

Riforma, 07 dicembre 2017

 

Dal 20 al 22 novembre Convegno ecumenico ad Assisi (Santa Maria degli Angeli)

Promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana - Ufficio Nazionale per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso, il convegno è stato preparato e organizzato in collaborazione con la Chiesa Apostolica Armena, la Diocesi di Roma del Patriarcato Copto Ortodosso, la Chiesa d'Inghilterra, la Diocesi Ortodossa Romena d'Italia, la Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno e la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia. Nella preparazione dei lavori è stata coinvolta anche la Federazione delle Chiese pentecostali in Italia. All'evento parteciperanno le principali chiese cristiane dell'Umbria. Infatti la celebrazione ecumenica prevista per la serata del 21 novembre sarà interamente guidata dal Consiglio delle chiese cristiane di Perugia, di cui fa parte anche la locale Chiesa valdese. La liturgia della celebrazione, incentrata sulla molteplicità dei doni e dei carismi, vuole affermare la centralità del battesimo cristiano come fattore di unità visibile della Chiesa di Gesù Cristo. Visualizza il programma completo

Torre Pellice, 14 novembre 2017

 

Protestanti e cattolici, sempre più vicini

Heiner Bludau: I 500 anni della Riforma, i testi congiunti, il papa e il recente francobollo dedicato a Lutero e Melantone emesso dal Vaticano

Riforma, 02 novembre 2017

 

Strade di pace è il motto del mega evento interreligioso, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, che dal 10 al 12 settembre radunerà a Münster e Osnabrück (Germania) leader religiosi, autorità istituzionali, esponenti del mondo della politica e della cultura dei cinque continenti per dire insieme “no” al terrorismo e alla violenza, e “sì” al dialogo, alla riconciliazione e alla pace.

Roma (NEV), 6 settembre 2017

Indagine PEW. A 500 anni dalla Riforma, cattolici e protestanti non sono più così diversi

Di Agenzia NEV - 6 settembre 2017

 

Il segretario generale Olav Fikse Tveit e la moderatora Agnes Buom del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) sono stati ricevuti ieri in Vaticano da papa Francesco


Leggi anche la notizia sul sito del Consiglio Ecumenico delle Chiese

NEV - 25 Agosto 2017

 

Giovanni Franzoni, la creatività ecumenica della condivisione

Agenzia NEV - 14 luglio 2017

Lucca. L’OK del Consiglio Comunale per un centro ecumenico

Il comune chiede al Sindaco di promuovere uno spazio dedicato all’ecumenismo e al dialogo religioso a livello istituzionale
Agenzia NEV - 1 giugno 2017

 

 

Bossey. Ricercare una più grande unità in Cristo

Si ritrovano presso l’Istituto ecumenico svizzero le quattro organizzazioni che hanno formulato l’idea da cui è nato il Global Christian Forum
Agenzia NEV - 29 maggio 2017

 

L’Europa unita delle chiese

Agenzia NEV - 24 marzo 2017

 

L’Osservatore Romano sbarca in Argentina, guidato da un protestante

Riforma, 17 Marzo 2017

 

Verso i 70 anni del Consiglio ecumenico delle chiese

 

Al centro delle riunioni della presidenza del Comitato centrale dell’organismo ecumenico mondiale le celebrazioni dei suoi 70 anni di vita nel 2018 e i preparativi dell’Assemblea generale del 2021

 

Dialogo ecumenico. La Riforma come critica permanente

 

Valdesi ed ebrei, una storia di solidarietà

 

La settimana di preghiera per l’unità del 2017


Presentazione italiana dei materiale per la Settimana di preghiera [scarica il materiale liturgico]

 

L‘amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione”: è il motto biblico - ispirato al capitolo 5 della Seconda Lettera ai Corinzi – che ci viene proposto per la Settimana di preghiera per l‘unità dei cristiani del 2017. Una scelta quanto mai felice, visto che quest‘anno ricorre il quinto Centenario della Riforma protestante, avviata da Martin Lutero con l‘affissione delle 95 tesi sulle indulgenze, avvenuta il 31 ottobre 1517 a Wittenberg, in Germania. E non è un caso che il materiale per la preghiera sia stato preparato quest‘anno proprio dalle Chiese cristiane tedesche, riunite in un organismo ecumenico in cui sono rappresentate tutte le tradizioni cristiane.
È apparso subito chiaro che i materiali per la Settimana avrebbero dovuto avere due accenti: da un lato, la celebrazione dell‘amore e della grazia di Dio, in particolare mettendo in rilievo quella giustificazione per sola grazia che è stata ed è al centro della teologia delle Chiese della Riforma. Dall‘altro, un accento penitenziale, nel riconoscimento delle profonde divisioni di cui ha sofferto la Chiesa in seguito all‘evento del 1517, offrendo al tempo stesso l‘opportunità di fare ulteriori passi verso la riconciliazione.

L‘apostolo Paolo nella Lettera ai Romani 5,2 scrive:

“Per mezzo di Cristo abbiamo anche avuto accesso, mediante la fede, a questa grazia nella quale rimaniamo e ci vantiamo nella speranza della gloria di Dio”.

Il fatto che i cristiani possano ricordare insieme, oggi, un evento del passato che ha diviso i cristiani in occidente con un senso di speranza e ponendo l‘accento su Gesù Cristo e la sua opera di riconciliazione è un “notevole risultato”, come sottolinea l‘Introduzione teologico – pastorale, raggiunto grazie a cinquant‘anni di dialogo ecumenico. Anche le chiese tedesche, dopo un dibattito ampio, e talvolta difficile, hanno abbracciato questa prospettiva, quella di una commemorazione ecumenica che sia una celebrazione di Cristo, come evidenzia il tema della Settimana.

È importante sottolineare che, così come nell‘espressione “l‘amore di Cristo” si tratta non del nostro amore per Cristo, ma dell‘amore che Cristo ha avuto e ha per noi, che si è manifestato nella sua morte per tutti, la riconciliazione verso cui siamo spinti è in primo luogo quella che Dio ci offre in Cristo: Dio ha riconciliato il mondo con sé per mezzo di Cristo (v. 19) e ha fatto di noi gli ambasciatori di questa riconciliazione, il cui incarico è quello di supplicare da parte di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. La riconciliazione, insomma, prima di essere lo sforzo umano di credenti che cercano di superare le divisioni che esistono fra loro, è un dono di Dio.

Proprio vent‘anni fa (23-29 giugno 1997) si teneva a Graz, in Austria, la seconda Assemblea ecumenica europea sul tema “Riconciliazione, dono di Dio e sorgente di vita nuova”. Nel messaggio finale dell‘Assemblea le chiese europee affermavano: “Vogliamo vivere il dono di Dio della riconciliazione … Se saremo guidati da questo dono nella vita quotidiana, nella vita delle nostre chiese e nella vita del nostro continente, potremo promuovere l‘unità della chiesa e dell‘umanità”.

Nella misura in cui ci lasciamo riconciliare con Dio in Cristo potremo dunque non solo compiere passi importanti di riconciliazione tra le chiese divise, ma diventare testimoni della riconciliazione in un mondo che, si legge ancora nell‘Introduzione alla Settimana di preghiera, “ha bisogno di ministri di riconciliazione, che abbattano le barriere, costruiscano ponti, facciano la pace e aprano le porte a nuovi stili di vita nel nome di colui che ci ha riconciliati con Dio, Gesù Cristo”.

Come esempi concreti di questo “ministero di riconciliazione”, le Chiese tedesche ricordano l‘ospitalità offerta a tanti rifugiati provenienti dalla Siria, dall‘Afghanistan, dall‘Eritrea e da altri paesi; si può anche ricordare quanto operato da Papa Francesco e dal Patriarca ecumenico Bartolomeo per aiutare le persone che sono forzate a vivere nelle periferie esistenziali della società a causa di situazioni di ingiustizia e di violenza. Anche in Italia siamo grati al Signore per il progetto ecumenico dei “corridoi umanitari”, inaugurato nel 2016 grazie agli sforzi della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, della Comunità di Sant‘Egidio e della Tavola valdese, e che entro la fine del 2017 porterà in Italia, in tutta sicurezza, mille richiedenti asilo individuati tra soggetti particolarmente vulnerabili. Che questa Settimana di preghiera sia l‘occasione per pregare per questo e altri progetti ecumenici in cui sono coinvolti protestanti, cattolici e ortodossi, e per l‘avanzamento della comune testimonianza dei cristiani alla riconciliazione che Dio ci ha donato in Cristo.

 

 

 

 

Il mondo dell'ecumenismo italiano piange Marianita Montresor

 

Aperto a Trento il convegno “Cattolici e protestanti a 500 anni dalla Riforma”

 

La Santa Cena nelle chiese evangeliche europee

 

Koch: "L'anniversario della Riforma è una storica opportunità di dialogo"

 

Dialogo tra anglicani e riformati

 

La chiesa cattolica chiede perdono per la strage di Montségur

 

Si è spento monsignor Mansueto Bianchi

 

Si è svolta ad Assisi la 53° sessione di formazione ecumenica del Sae.
Una vecchia formula, estremamente attuale

 

Dichiarazione della 53esima Sessione del SAE Assisi - 27 luglio 2016

I partecipanti e le partecipanti alla 53esima sessione di formazione ecumenica del Segretariato Attività Ecumeniche (SAE), alla luce dell’ennesimo atto di violenza omicida avvenuto nella chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray, in Francia, l’ultimo nel giro di pochi giorni in tanti Paesi sparsi nel mondo

RIBADISCONO con forza la convinzione che il dialogo tra i popoli e le religioni è la via maestra per costruire una società di pace;

RICORDANO che l’uso della religione per atti violenti e omicidi è una bestemmia del nome di Dio;

FANNO PROPRIE le parole del vescovo di Rouen, mons. Dominique Le Brun, secondo il quale per la Chiesa non esistono altre armi all’infuori della preghiera e della fraternità tra gli esseri umani, e che ha chiesto “ai giovani di non arrendersi alla violenza e divenire apostoli della civiltà dell’amore”.

 

 

 

Proseguirà il dialogo tra battisti e cattolici

Tratto da Riforma del 8 Luglio 2016

 

I Riformati da papa Francesco: «al centro la giustizia e la pace»

Tratto da Riforma del 17 giugno 2016

 

Il segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) incontra il premio Nobel a Soweto, Sud Africa, dove si sta svolgendo un incontro ecumenico su pace e riconciliazione 

Riforma, 10 giugno 2016

 

Protestanti: la Comunione delle chiese riformate in visita dal Papa il 10 giugno

6 giugno

 

L'ecumenismo è donna

di Luca Baratto, curatore della trasmissione “Culto evangelico” di Radio1RAI
Nev-notizie evangeliche/18 maggio 2016    

In occasione della cerimonia di benedizione del tunnel ferroviario del Gottardo saranno presenti anche gli evangelici riformati. E saranno rappresentati da una donna

La cerimonia religiosa del Gottardo sorprende la comunità protestante

 

Vale sempre il primato della Parola e della coscienza?

Si è svolto a Worms, dal 15 al 17 aprile un «Colloquio religioso» con esponenti di diverse fedi

Riforma

 

Prosegue la collaborazione tra la Chiesa cattolica e il Consiglio ecumenico delle chiese

Fonte: Cec Riforma

 

Bernardini: «Con il Papa un incontro fraterno, alla ricerca di strade nuove. Con coraggio»

 

5 Marzo: una delegazione metodista e valdese ricevuta da papa Francesco

NEV, 5 Marzo 2016

A Roma incontro tra esponenti della CEI e delle chiese protestanti italiane

NEV - Notizie evangeliche del 2 marzo 2016

 

L’impegno della Chiesa di Scozia e della Chiesa d'Inghilterra a crescere nella comunione

Pubblicata in Gran Bretagna la Dichiarazione di Colombano

NEV, 3 febbraio 2016

Papa Francesco parteciperà al lancio del Giubileo della Riforma

NEV, 27 gennaio 2016

 

Un commento del decano della Chiesa evangelica luterana in Italia Heiner Bludau

In vista dei 500 anni della Riforma un libro di preghiere cattolico-luterano

 

18-25 gennaio 2016 Settimana di preghiera per l‘unità dei cristiani

Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio

La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani ha più di 100 anni

Programmi e incontri a Firenze e Pistoia

 

 

 

Morto Ralph Young, una vita per il dialogo ecumenico

 

il direttore di Médias-pro (l'organo incaricato della gestione dei media in nome delle Chiese riformate della Svizzera romanda), Michel Kocher ritorna sulla risposta data dai valdesi alla richiesta di perdono del papa

 

Intervista a Mons. Bruno Forte, Presidente della Commissione per l'ecumenismo e il dialogo interreligioso della Conferenza episcopale italiana intevenuto al Sinodo 2015

 

La lettera di risposta del Sinodo alla richiesta di perdono del papa

L'inizio di una nuova storia

 

In ricchezza e in povertà

Prende il via il 27 luglio all'Istituto ecumenico di Bossey il seminario di formazione interreligiosa del Consiglio Ecumenico delle Chiese su povertà e ricchezza nell'ebraismo, nel cristianesimo e nell'islam

 

 

Cattolici, protestanti e ortodossi discutono della libertà e delle libertà

Il Comitato congiunto della Conferenza delle chiese europee (KEK) e del Consiglio delle conferenze episcopali cattoliche d'Europa (CCEE) ha tenuto lannuale incontro a Roma dal 6 all'8 maggio scorsi. L'incontro, co-presieduto dall'anglicano Christopher Hill e dal cattolico Peter Erdő, ha avuto come tema “La libertà e le libertà: un approccio cristiano”.
Roma (NEV), 13 maggio 2015

 

Taizé in festa per ben tre anniversari nel 2015

la commemorazione per i 100 dalla nascita del fondatore della Comunità ecumenica frère Roger Schutz
Riforma 13 Maggio 2015

 

Ecumenismo. Kurt Koch: il Giubileo della Riforma occasione per passi in avanti ecumenici

Roma (NEV), 22 aprile 2015

 

 

Conferenza delle chiese europee, una nuova struttura

 

22 giugno - Torino: Il papa visita la Chiesa valdese
 

Firmato dell'Appello ecumenico delle chiese cristiane contro la violenza sulle donne

9 marzo 2015

 

L’eredità ecumenica di Dietrich Bonhoeffer

Riforma 6 marzo 2015

 

Dal 5 all'8 febbraio si è tenuta a Elspeet (Paesi Bassi), una consultazione promossa dalla Comunione di Chiese protestanti in Europa (CPCE) sul tema dottrinale della “comunione ecclesiale”

 

Delegazione di «Kaiciid» in visita agli uffici del Consiglio ecumenico delle chiese a Ginevra

 

DICHIARAZIONE DEL GRUPPO DI DIALOGO EBRAICO-CRISTIANO-ISLAMICO (DECI) DI FIRENZE

 

Il DECI, gruppo che promuove a Firenze incontri di dialogo fra singoli e comunità di fede ebraica, cristiana e islamica esprime la propria forte condanna dell'attacco al giornale satirico parigino Charlie Hebdo che ha avuto luogo ieri a Parigi e che è costato la vita a 12 persone e il ferimento di altre 11.
Il DECI - che quest'anno ha scelto di trattare attraverso un ciclo di incontri pubblici il tema dell'intolleranza religiosa, quale problema fra le fedi e anche interno a ciascuna famiglia confessionale - ritiene che atti come quello in oggetto, pur legati a gruppi di sedicenti islamici, non siano affatto espressioni di fede religiosa quanto di precise strategie politiche.
Troviamo pertanto inaudito e blasfemo che si utilizzi il nome di Dio per giustificare uccisioni e massacri, perché Dio è clemente e misericordioso.
Esprimiamo pertanto la nostra solidarietà alle vittime di tale inaudita violenza e alle loro famiglie e ci impegneremo ogni giorno di più per promuovere dovunque nel mondo il principio della libertà religiosa e di coscienza di tutti, credenti e non credenti,
Proprio per questo respingiamo anche ogni tentativo di chi in Italia e nel mondo voglia utilizzare i drammatici eventi di questi giorni per demonizzare e ad emarginare i credenti musulmani attraverso la falsa equazione musulmano-terrorista.
I violenti vanno isolati e perseguiti, la libertà di religione e di coscienza salvaguardata perché suprema garanzia di democrazia.

Firenze, 08/01/2015

 

 

 

 

Firmata a Oslo la "Carta per la libertÓ religiosa e di credo

 

La pastora Tomassone commenta la prima settimana di lavori deli Sinodo dei vescovi sul tema della famiglia

 

Tre iniziative ecumeniche intorno ai grandi temi della vita

 

“Secular conference”, convegno che si tiene a Londra dal 10 al 13 ottobre, per discutere di integralismi religiosi e diritti delle donne

 

Dal 1 al 5 settembre, si Ŕ svolta a Bossey, nei pressi di Ginevra, una consultazione internazionale sulla formazione teologica dei leader delle “chiese migranti”.

Roma (NEV), 10 settembre 2014

 

Ecumenismo, il passo di Bergoglio

di Paolo Naso NEV Agosto 2014

 

Consiglio ecumenico delle chiese

A Ginevra i lavori del Comitato centrale
Roma (NEV), 9 luglio 2014

 

 

"Ma le canonizzazioni non ci appartengono"

Un invito del moderatore valdese Eugenio Bernardini ai giornalisti che le descrivono come un evento per tutta la cristianità "Le canonizzazioni non sono un fatto ecumenico. Noi protestanti le guardiamo con rispetto ma non ci appartengono e non possono essere celebrate come un evento di tutta la cristianità". Lo afferma il moderatore della Tavola valdese, past. Eugenio Bernardini, a poche ore dalla proclamazione della santità dei papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. "L'eccezionale attenzione dei media a questo evento - prosegue il moderatore - non giustifica che si presenti la santificazione di due papi come un fatto che riguarda tutti i cristiani. Non è così perché il nostro ecumenismo e l'attenzione al ruolo svolto da questi due papi non cancella la critica teologica del protestantesimo al culto dei santi. Richiamiamo quindi i giornalisti a un'informazione rigorosa e accurata, rispettosa delle distinzione tra le diverse tradizioni cristiane e delle specificità teologiche di ogni confessione cristiana. E questo proprio perché siamo ecumenici e, tanto più nel clima di dialogo avviato da Papa Francesco, abbiamo a cuore il dialogo con i fratelli cattolici e ortodossi. Ma sempre nella chiarezza e nel rispetto della nostra e dell'altrui identità teologica".

25 aprile 2014

 

4º incontro della quarta fase di dialogo internazionale tra cattolici e riformati

Si è tenuta dal 6 al 12 aprile scorsi, a Coatbridge (Scozia), il quarto incontro della quarta fase di dialogo internazionale tra cattolici e riformati. Le delegazioni, designate rispettivamente dalla Comunione mondiale di chiese riformate (Cmcr) e dal Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani (Pcpuc), hanno proseguito la riflessione sul tema «Giustificazione e sacramentalità: la comunità cristiana come agente di giustizia».
Da parte protestante è stato analizzato il rapporto tra la dottrina della giustificazione e la santificazione, mentre da parte cattolica sono stati evidenziati i nessi tra eucaristia e giustizia. Le due delegazioni si sono anche incontrate con la Commissione congiunta sulla dottrina che presbiteriani e cattolici scozzesi hanno istituito nel 1977 per la promozione del dialogo ecumenico. Le riunioni sono state presiedute dalla riformata Martha Moore- Keish del Columbia Theological Seminary di Decatur (Usa), e dal cattolico Kevin Rhoades, vescovo di Fort Wayne-South Bend (Usa). (nev/cmcr - Riforma 25 aprile 2014)

 

 

Il movimento ecumenico mondiale a favore di un'”economia di vita” 

 

Approvata la "Dichiarazione di Vienna" per accogliere lo straniero

Roma (NEV), 27 novembre 2013

 

X Assemblea del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC)

- Conclusa in Corea la X Assemblea del Consiglio ecumenico delle chiese

- Appello a “camminare insieme” verso la giustizia e la pace

- Una valdese eletta nel Comitato Centrale

- I documenti

 

A Zurigo un Congresso internazionale in vista del 2017


A Milano un convegno in preparazione della X Assemblea del CEC

Roma (NEV), 25 settembre 2013

- IL TESTO DEL MESSAGGIO FINALE affidato ai delegati italiani che parteciperanno a Busan

 

Brasile Per “La Stampa” gli evangelici sono “lupi che assottigliamo il gregge cattolico”

Roma (NEV), 24 luglio 2013

 

Un’enciclica “a quattro mani” all’insegna della continuità
di Fulvio Ferrario (NEV)

 

Egitto e Siria

Un appello del Cec per un processo di transizione pacifico e inclusivo. Il segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec), pastore Olav Fykse Tveit, ha espresso la sua profonda preoccupazione per l’escalation di violenza in Egit to. In
una lettera inviata lo scorso 9 luglio Tveit ha scritto alle chiese egiziane membro del Cec: «Preghiamo per un processo di transi- zione pacifico e inclusivo in cui tutte le parti in causa possano lavorare insieme nella formazione di un governo che conduca il Paese alla stabilità, alla giustizia e alla pace». Il Cec, ha aggiunto il segretario generale, darà il suo sostegno a ogni sforzo di collaborazione tra cristiani e musulmani». Siamo convinti – ha detto Tveit – che i leader politici e religiosi egiziani siano coscienti dell’importanza di definire percorsi di cambiamento inclusivi e rispettosi delle diversità». (nev)

Il segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec), pastore Olav Fykse Tveit, ha espresso profonda preoccupazione per i recenti atti di violenza che in Siria hanno portato al brutale assassinio di fr. François Mourad nel villaggio di Al-Ghassaniyah e alla sistematica distruzione di luoghi di culto cristiani, musulmani ed ebraici «È triste e allarmante il fatto, sempre più evidente, che in Siria elementi radicali e terroristi stiano deliberatamente colpendo i cristiani, senza risparmiare religiosi e luoghi sacri. I loro attacchi sono un tentativo di far crescere la tensione religiosa», ha dichiarato Tveit. La stessa preoccupazione è stata espressa da diversi leader musulmani siriani che hanno manifesta - to il loro «orrore per le azioni brutali che sembrano deliberatamen - te intese a creare ostilità tra cristiani e musulmani». (nev/cec)

 

Approvata la nuova costituzione della Conferenza delle chiese europee (KEK)

Roma (NEV), 10 luglio 2013

Ha ancora un senso l’ecumenismo in Europa?

Editoriale, di Luca Maria Negro, 20/06/2013

 

Nuovo presidente del Consiglio latinoamericano delle chiese (CLAI) è il pastore luterano Felipe Adolf
Roma (NEV), 5 giugno 2013

 

Bangkok. Incontro sul dialogo cristiano-buddista
Si è svolto a Bangkok (Tailandia), dal 27 al 31 maggio, un inedito incontro sul dialogo cristianobuddista. La consultazione, che ha visto interfacciarsi 25 buddisti e cristiani alla ricerca di nuovi modi di dialogare, è stata promossa dal Consiglio ecumenico delle chiese (Cec), in collaborazione con la Conferenza cristiana dell’Asia. L’incontro si è incentrato su temi come vita, giustizia e pace, principali filoni proprio della prossima Assemblea generale del Cec che si aprirà a fine ottobre a Busan (Corea del Sud). La metodologia adottata ha tentato di accrescere anche le nozioni teoriche attraverso casi di studio specifici, mutuo arricchimento spirituale, e la partecipazione di persone laiche che hanno avuto esperienze personali con ambedue le tradizioni religiose. (nev/cec)

 

Terza sessione della quarta fase di dialogo tra la Cmcr e il Pcpuc

Si è tenuta dal 7 al 13 aprile scorsi all’Università di Notre Dame (Indiana, Usa), la terza sessione della quarta fase di dialogo tra la Comunione mondiale di chiese riformate (Cmcr) e il Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani (Pcpuc). Tema generale degli incontri è «Giustificazione e sacramentalità: la comunità cristiana come agente di giustizia». Il presente dialogo, che si concluderà nel 2017, si inserisce su quanto già raggiunto nelle fasi preceden ti: il comune riconoscimento della chiesa come «creazione della parola di Dio», affermazione enfatizzata da parte riformata, e come «Sacramento di grazia», affermazione enfatizzata da parte cattolica. Le due delegazioni hanno in particolare discusso della relazione tra giustificazione e santificazione. Il prossimo incontro di dialogo si terrà nel 2014 in Scozia. (nev/cmcr)

 

La chiesa verso una visione comune

«Un dono offerto al movimento ecumenico». Con queste parole il segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec), Olav Fykse Tveit, ha ufficialmente presentato lo scorso 6 marzo presso l’Istituto ecumenico di Bossey, il testo di convergenza «La Chiesa: verso una visione comune». Frutto di un lavoro ventennale da parte della Commissione Fede e Costituzione – il più ampio tavolo teologico internazionale a cui prendono parte oltre alle chiese del Cec, anche rappresentanti della chiesa cattolico romana e del mondo evangelicale e pentecostale –, il documento è stato approvato durante la riunione plenaria della Commissione tenutasi a Penang in Malesia nel giugno del 2012 . Il testo, nelle sue 45 pagine, identifica ciò che i cristiani possono dire insieme sul concetto di Chiesa per poter crescere nella comunione reciproca, lottare insieme per la giustizia e la pace, e per superare le divisioni passate e presenti. Quattro sono i capitoli principali: la missione di Dio e l'unità della Chiesa; la Chiesa e il Dio trinitario; la Chiesa: crescere nella comunione; La Chiesa nel e per il mondo. «Le risposte che il documento susciterà – ha detto John Gibault, direttore di Fede e Costituzione – rifletteranno il livello di convergenza sull’ecclesiologia delle diverse chiese. Questo livello di convergenza giocherà un ruolo vitale nel mutuo riconoscimento delle chiese nella loro reciproca chiamata all'unità e alla comunione eucaristica». Il documento è stato inviato alle chiese rappresentate nella Commissione Fede e Costituzione, quindi anche alla Chiesa cattolica romana, affinché facciano pervenire le loro osservazioni e commenti entro il 31 dicembre del 2015. (Riforma 22-03-2013)

 

Roma: capitale del cristianesimo?

email del pastore Agostino Garufi al giornalista Marcello Veneziali sull'uso improprio di questa espressione.
14 marzo 2013

 

Insieme verso la vita: la missione e l’evangelizzazione in un panorama che cambia

Dal 17 al 20 febbraio scorsi si è tenuta presso l’Istituto ecumenico di Bossey (Svizzera), una consultazione tra delegati del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani e rappresentanti del Consiglio ecumenico delle chiese (Cec).
L’incontro ha avuto al suo centro il nuovo documento Insieme verso la vita: la missione e l’evangelizzazione in un panorama che cambia, redatto dal Consiglio sulla missione ed evangelizzazione mondiale (Cwme) in vista della prossima Assemblea generale del Cec (Busan, Corea, 30 ottobre-8 novembre 2013). Da parte cattolica, fr. Richard Nnyombi e sr. Nzenzili Lucie Mboma hanno sottolineato stimoli e sfide del documento, sottolineando come esso costituisca una «visione, un invito a sognare e a camminare insieme verso la vita». Punti qualificanti del testo sono stati individuati nella sua impostazione trinitaria e nell’idea di «evangelizzazione dai margini». (nev/cec)

 

 

A Vienna i protestanti europei e il Vaticano hanno discusso di ecclesiologia

 

Si è svolto in un’atmosfera distesa e amichevole il primo incontro di dialogo tra la Comunione di chiese protestanti in Europa (Ccpe) e il Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani (Pcpup), tenutosi a Vienna dal 7 al 10 febbraio scorsi.
Tema discusso, l’ecclesiologia e le sue implicazioni ecumeniche.
«Abbiamo avuto una conversazione franca e aperta sulle nostre rispettive comprensioni della chiesa, nella quale abbiamo verificato l’esistenza di diverse aree di accordo – ha dichiarato il vescovo luterano austriaco e segretario generale della Ccpe, Michael Bünker –. Siamo molto grati per questo primo incontro e siamo desiderosi di vedere come proseguiranno i prossimi».
I lavori delle due delegazioni – guidate, per parte evangelica, dal vescovo luterano e presidente della Ccpe, Friedrich Weber, e, per parte cattolica, dal vescovo di Spira (Germania) Karl-Heinz Wiesemann – si sono basati sulla presentazione e discussione di due documenti.
Da parte cattolica, il professor Wolfgang Thönissen (Istituto per l’ecumenismo Johann- Adam-Möhler, Paderborn) ha presentato il testo del cardinale Walter Kasper «Raccogliere i frutti» nel quale l’ex presidente del Pcpup esprime una valutazione di 40 anni di dialoghi ecumenici. Alla presentazione è seguito un commento da parte protestante curato dal professor Fulvio Ferrario, docente di teologia sistematica alla Facoltà valdese di Roma.
La delegazione del Ccpe, attraverso la teologa Friederike Nüssel (Università di Heidelberg), ha proposto il proprio testo ecclesiologico fondamentale «La Chiesa di Gesù Cristo» (1994), sul quale è intervenuto, per parte cattolica, lo stesso professor Thönissen.
A conclusione dei lavori, il professor Ferrario ha rilasciato la seguente dichiarazione:
«Il documento “La Chiesa di Gesù Cristo” sembra aprire un terreno di discussione con Roma. Sarebbe importante che questo testo venisse adeguatamente conosciuto anche nelle nostre chiese italiane. Esso infatti potrebbe aiutarci a collocare la nostra comprensione della chiesa nel quadro della sensibilità attuale del protestantesimo europeo».
Verosimilmente, gli incontri di dialogo andranno avanti fino al 2016; il prossimo è già in calendario per il 16 e 17 dicembre di quest’anno a Spira (Germania)». (NEV)

 

Varsavia. Incontro Comitato congiunto Kek/Ccee sui nuovi movimenti cristiani in Europa «Nuovi movimenti cristiani in Europa: sfida o opportunità?»

È questo il tema che dal 4 al 6 febbraio scorso hanno discusso a Varsavia i componenti del Comitato congiunto della Conferenza delle chiese europee (Kek) e del Consiglio delle Conferenze episcopali europee (Ccee). L’incontro ha voluto considerare quella che è stata definita una sfida piuttosto che un’opportunità posta alle chiese cristiane di maggioranza da nuovi gruppi e movimenti, tra i quali quelli neo-pentecostali.
L’argomento è stato affrontato analizzando dati scientifici sulla diffusione e sui motivi che spingono tanti europei ad aderire ai nuovi movimenti cristiani. Tra questi ultimi, è stato segnalato come molti migranti in Europa non si sentano a loro agio nella corrente maggioritaria delle chiese europee e trovino invece un ambiente più simile a quello che hanno lasciato nel loro paese in questi nuovi movimenti.
Il Comitato congiunto ha quindi individuato nel rinnovamento delle proprie chiese e nell’evangelizzazione una possibile risposta al mutare del panorama religioso europeo. Sull’evangelizzazione la delegazione del Ccee ha aggiornato sulla Nuova Evangelizzazione, l’Anno della Fede e il 50° anniversario del Concilio Vaticano II.
La delegazione della Kek ha invece informato sugli sviluppi più recenti nella preparazione della propria XIV Assemblea Generale (Budapest, Ungheria, 3-8 luglio 2013) che avrà come titolo «E ora cosa stiamo aspettando? – la Kek e la sua missione in un’Europa che cambia».
Il Comitato congiunto, istituito nel 1972, è l’istanza più elevata del dialogo fra la Kek e il Ccee. Si riunisce di solito annualmente e comprende, oltre alle due presidenze e ai segretari generali dei due organismi, 4 membri della Kek e 4 membri nominati dal Ccee.
La Kek è una comunione di 115 chiese ortodosse, protestanti, anglicane e vecchio-cattoliche di tutti i paesi europei, e di 40 organizzazioni associate.
Al Ccee appartengono quali membri le attuali 33 Conferenze episcopali cattoliche presenti in Europa. (NEV)

 

Al via il dialogo tra Comunione di chiese protestanti europee e Vaticano

Roma (NEV), 30 gennaio 2013

 

 

 

 

 

2018


«So essere nell'indigenza, so essere nell'abbondanza» (Fil 4,12). Le Chiese di fronte alla ricchezza, alla povertà e ai beni della terra.

Dal 29 luglio al 4 agosto 2018 alla Domus Pacis - Santa Maria degli Angeli - Assisi Sessione estiva del Segretariato Attvità Ecumeniche (SAE) - Programma

 

Gli eventi evangelici ed ecumenici dell’anno

 

17 Gennaio Shabbat Shirà. Significato e usi del sabato della Cantica. Dialogo Ebraico Cristiano

18-25 Gennaio "Potente è la tua mano, Signore" (Esodo 15,6) Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani.

26 Gennaio "La Buona Parola" Radici in terra, Rami in cielo (Corano, Sura XIV,24) Dialogo Islamico Cristiano

Programma degli incontri e iniziative

 


 

 

2017

 

SAE. Ad Assisi la 54ma Sessione di formazione ecumenica del Segretariato Attività Ecumeniche
da lunedì 24 a sabato 29 luglio 2017:

Programma completo
e le indicazioni per le iscrizioni
sul pieghevole allegato

Vai alla pagina speciale sulla sessione

Lo spirito di riforma nella vita delle chiese cristiane
NEV - 29 luglio 2017

 

Dal 28 aprile al 1° maggio a Torre Pellice (TO) convegno di primavera del Segretariato attività ecumeniche (SAE) “Sulle vie della Riforma: Wittenberg e le Valli Valdesi. Memorie e attualità dell’ecumenismo“. Presso la Foresteria valdese, via Arnaud 34.

 

dal 18 al 25 gennaio settimana di preghiera per l’unità dei CristiaNi

 

 

2016

 

24-30 Luglio Il SAE tra tradizione, riforma e profezia nelle Chiese

 

Aperte iscrizioni al convegno “Cattolici e protestanti a 500 anni dalla Riforma” a Trento dal 16 al 18 novembre 2016, organizzato dall’UNEDI in collaborazione con la FCEI

18-25 gennaio 2016 - Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani versione testuale opuscolo

 

2015

 

Dal 26 luglio al 1° agosto ci sarà LII Sessione di formazione del Segretariato attività ecumeniche (SAE) sul tema In cammino verso un nuovo ecumenismo. 'Va’ e d’ora in poi non peccare più', (Giovanni 8:11). Presso la Domus Pacis, Santa Maria degli Angeli

Il programma (pdf)

(www.saenotizie.it).

Lunedi 19 - Domenica 25 Gennaio Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani: iniziative a Firenze

 

2014

 

9-13 luglio Associazione “Biblia” Seminario estivo "Le prime comunità cristiane siro-palestinesie Il discorso del monte (Mt 5-7)" Foresteria Valdese, Torre Pellice (Piemonte)

27 luglio - 2 agosto, Paderno del Grappa (TV), LI Sessione di formazione del SAE "AMA IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO (Levitico 19,18)
La vita in relazione: prospettive etiche" - Programma (pdf)

 

2-4 Maggio, Napoli, "Dialogo e diaconia, segni di speranza per il nostro tempo", convegno di primavera del SAE


18-25 GENNAIO Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani "Cristo non può essere diviso" (I Corinzi 1,1-17)

 

 


Comunione mondiale delle chiese riformate (WCRC)

 

Consiglio Ecumenico delle Chiese (CEC)


 






 
image_linea_verde


Ultimo aggiornamento
18 Maggio 2018 © Chiesa Evangelica Valdese di Firenze